DECENNALE DELL’INCENDIO ALLA CURIA SENESE. EPILOGO DELLA PISTA SVEDESE

Serata intensa ed anche emozionante ieri sera alla Libreria Senese, dove l’Eretico, al secolo Raffaele Ascheri, in occasione del decennale dell’incendio alla Curia Senese, ci ha fatto un riassunto delle fasi salienti di quello che sembra destinato a rimanere uno dei più grandi misteri senesi. Emozionante è stata la lettera del professor Nardi letta dall’avvocato De Mossi, prova di come questa città non sia ancora in grado di reagire adeguatamente di fronte ai grovigli, preferendo lasciare questi uomini soli con tutto il peso che devono sopportare quando si oppongono al sistema Siena: Franco Nardi ha perso il lavoro e la dignità ed è stato isolato come un appestato, anche da coloro che pensava fossero amici. Noi postiamo un video “surreale” sulla pista svedese ed i parallelismi con #quellidelladiavolina, perché ci piace affrontare così, con due risate, la pochezza e la inconsistenza con cui questa città ha affrontato l’ennesimo schiaffo alla sua intelligenza.

4 thoughts

  1. La lettera di Franco Nardi fa molto riflettere mi ha un po’ emozionato ascoltarla ieri sera. Alcuni passaggi ricostruiti da Raffaele Ascheri, riguardo l’incendio e le successive indagini lasciano basiti e atterriti allo stesso tempo.

  2. Grande Carlo: un piccolo esempio di nonsense, per non dire di strullaggine…ma purtroppo – come evidenziato dal commento di Lupompesi – i fatti restano…

    L’eretico

  3. storia emblemetica…mi sono dimenticato di chiedere a Raffaele che successe poi di quel civico di via de Fusari…

I commenti sono chiusi per questo articolo.